lunedì 16.01.2017
caricamento meteo
Sections

Cittadinanza attiva e cultura della legalità

E-R | Giovani |
La promozione della cittadinanza attiva e la diffusione della cultura della legalità tra i giovani sono tra le priorità in materia di politiche giovanili regionali. La Regione pertanto, promuovendo il rispetto della Costituzione, sostiene iniziative volte al rispetto delle regole, alla partecipazione attiva di tutti ragazzi e le ragazze alle comunità di appartenenza, all'informazione sui fenomeni illegali e su come contrastarli

Cosa fa la Regione

Secondo quanto disposto dalla legge regionale n.14/2008, “Norme in materia di politiche per le giovani generazioni”, la Regione “favorisce la partecipazione delle giovani generazioni alla vita civile e sociale, ne promuove la cittadinanza attiva come strumento per creare senso di appartenenza alla comunità, contrastando qualunque forma di frammentazione sociale e per affrontare i problemi e i cambiamenti in un’ottica comunitaria”.

In base a questo principio ispiratore la Regione sostiene, tramite bandi, progetti volti alla promozione della legalità e alla diffusione dei valori costituzionali e ne valorizza i risultati attraverso la newsletter YoungERnews.

In particolare, con l’accordo Geco 2, sono stati finanziati alcuni progetti specifici in materia di legalità e a sostegno dell’integrazione:

  • azioni per lo sviluppo della cultura della legalità e della cittadinanza responsabile sul territorio regionale
  • laboratori di musica e teatro per la legalità
  • giovani in rete: protagonismo, contrasto al razzismo e alle discriminazioni
  • teatro e mediazione interculturale.

La Regione nel 2011 ha inoltre adottato la legge n.3 “Misure per l’attuazione coordinata delle politiche regionali a favore della prevenzione del crimine mafioso e organizzato, nonché per la promozione della cultura della legalità e della cittadinanza responsabile”, attivando conseguentemente programmi di sostegno a progetti di associazioni e di organizzazioni di volontariato e definendo accordi di collaborazione con le pubbliche amministrazioni per la realizzazione delle attività previste dalla stessa legge.

La Regione aderisce all’associazione Avviso pubblico - Enti locali e Regioni per la formazione civile contro le mafie.

Con l'accordo Geco 3 la Regione promuove, tramite il progetto "Gli spazi di aggregazione giovanile: la cittadinanza attiva e il protagonismo", l'impegno civico, il volontariato, la partecipazione responsabile e gli stili di vita sani dei giovani, anche attraverso forme di gestione degli spazi aggregativi da parte di gruppi informali.

A chi rivolgersi

Per il progetto “Azioni per lo sviluppo della cultura della legalità e della cittadinanza responsabile sul territorio regionale”

Progetto Giovani
Marina Mingozzi
Tel. 051 5277694

mamingozzi@regione.emilia-romagna.it

 

Per i progetti “Laboratori di musica e teatro per la legalità” e “Teatro e mediazione interculturale”

Servizio Cultura, Sport
Gianni Cottafavi
Tel. 051 5273599
gcottafavi@regione.emilia-romagna.it

 

Per il progetto “Giovani in rete: protagonismo, contrasto al razzismo e alle discriminazioni”

Servizio politiche per l’accoglienza e l’integrazione sociale
Andrea Facchini
Tel. 051 5277490

afacchini@regione.emilia-romagna.it

 

 

Azioni sul documento
Pubblicato il 13/05/2013 — ultima modifica 27/10/2014

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it

Strumenti personali